• RSS
  • youtube
Home  -  Mondo  -  I Giochi di Pechino e i moralizzatori del Cio tra divieti e bacchettate

I Giochi di Pechino e i moralizzatori del Cio tra divieti e bacchettate

Il Comitato Olimpico critica e proibisce: non sono piaciuti gli esuberanti show del recordman Usain Bolt (le IMMAGINI e il VIDEO ) dopo le vittorie. E soprattutto è stato impedito agli atleti spagnoli di indossare il lutto in memoria della strage all'aeroporto di Madrid . Guarda la GALLERY delle le vittorie delle atlete italiane . LEGGI ANCHE: Lo speciale Olimpiadi - Partecipa al FORUM

I Giochi di Pechino e i moralizzatori del Cio tra divieti e bacchettate I Giochi di Pechino e i moralizzatori del Cio tra divieti e bacchettate
di Antonietta Demurtas

 

All'aeroporto di Madrid 153 persone sono morte in un incidente aereo . L'intera Spagna è sotto shock, ma a Pechino il Comitato olimpico (Cio) ha deciso di non proclamare alcun lutto e di dire no a tutto. Negativa è stata infatti la risposta del Cio alla richiesta della delegazione spagnola presente ai Giochi di far indossare agli atleti iberici che disputeranno le gare di oggi una fascia nera al braccio in segno di lutto. Fascia portata al braccio già ieri dai giocatori della nazionale di calcio in occasione dell'amichevole contro la Danimarca e, nonostante il divieto, portata anche oggi dalle tre atlete spagnole nella marcia femminile, María Vasco, Beatriz Pascual y María José Povés.

Deciso no anche alla richiesta di esporre nel villaggio olimpico la bandiera rossa e gialla a mezz'asta, come aveva richiesto il presidente del Comitato Olimpico Spagnolo (Coe), Alejandro Blanco.

Secondo quanto riporta il giornale El mundo la spiegazione del Cio, non ancora ufficiale, risiederebbe nella volontà di non fare "figli e figliastri": la stessa richiesta era infatti stata negata alla Georgia in seguito al conflitto con la Russia, per non offendere la delegazione russa. Ma, come sottolinea il quotidiano spagnolo, quella della Spagna non aveva nessuna "connotazione politica".

Per rispondere a quella che viene vista come una censura sulla tragedia che ha colpito il Paese, il Coe risponde con la bandiera a mezz'asta esposta in Casa Spagna. Sempre nella residenza ufficiale iberica a Pechino oggi pomeriggio  sarà anche organizzata una cerimonia per ricordare le vittime dell'incidente. Ci sarà l'Infanta Cristina, in compagnia del suo sposo Inaki Urdangarin, oltre alla ministra dell'Educazione Mercedes Cabrera, il segretario di stato allo Sport Jaime Lissavetzki e il presidente del comitato olimpico Alejandro Blanco.

Terrorizzati dalla possibilità che manifestazioni di carattere politico o religioso possano "contaminare" i Giochi, al Cio stanno assumendo una linea che El mundo definisce talmente "massimalista" da risultare "assurda".

E assurdi o quanto meno criticabili sono state considerate anche altre scelte assunte dal Comitato in questi giorni. A partire risultati anti-doping che  sono stati messi in discussione da parte dell'opinione pubblica. Solo sei casi di doping su un totale di 4.133 controlli hanno scatenato infatti domande e dubbi sull'attendibilità dei test che il Cio definisce invece sicuri, "Nessun rischio di giochi truccati", ha assicurato Giselle Davies, portavoce del Comitato olimpico internazionale "Le analisi sono condotte di concerto con tutte le autorità antidoping, dalla Wada alle varie federazioni internazionali".

Divieti, proclami e condanne. L'ultima critica del Comitato riguarda i festeggiamenti e l'esuberanza di Usain Bolt (guarda la GALLERY ), che è stato invitato a mostrare maggior considerazione nei confronti degli avversari. "È ancora un ragazzo, ma deve mostrare più rispetto nei confronti dei suoi rivali",  ha detto il presidente del Cio, Jacques Rogge , "Rispecchierà ancor più lo spirito olimpico". Secondo Rogge il talento giamaicano, recordman sui 100 e sui 200 metri "può essere considerato come l'americano Jesse Owen negli anni '30, ma deve stringere la mano agli avversari all'arrivo. Certo", aggiunge, "ha solo 22 anni e ha tutto il tempo per imparare".

Lezioni di galateo che portano il presidente belga a definire "show" gli atteggiamenti del campione,  "una stretta di mano o una pacca sulla spalla dopo la corsa, sarebbe un gesto da fare" conclude il presidente.

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Video Hot

    • Dal Colle a palazzo Chigi, paura di G...

      Napolitano e Renzi (che lo avrebbe confidato a Berlusconi) temono l'avanzata del M5S alle europee. Intanto per il Quirinale torna il nome di Enrico Letta - Napolitano, il bilancio

    • Bonus in busta paga: tutte le decisio...

      Le comunicazioni in 10 tweet #oraics. Le principali: 80 euro da maggio per 10 milioni di lavoratori, tetto per gli stipendi dei manager pubblici, taglio del 10% per l'Irap e comunicazione delle spese pubbliche entro 60 giorni

TOP 10 DI PANORAMA Mondo

MONDO
Documento senza titolo