• RSS
  • youtube
Home  -  Mondo  -  Tibet, si contano i morti. Stato d'assedio a Lhasa

Tibet, si contano i morti. Stato d'assedio a Lhasa

Dieci vittime secondo le autorità cinesi, 80 secondo testimoni citati da Radio Free Asia, almeno cento secondo il governo in esilio. Pechino: "Arrendetevi entro lunedì". Leggi anche: Tibet in fiamme, la rivolta dei monaci . Guarda la GALLERY

Tag:  Cina dalai-lama lhasa Pechino radio-free-asia

di Redazione

Guarda la GALLERY

Dieci morti secondo le autorità cinesi, 80 secondo testimoni citati da Radio Free Asia, almeno cento secondo il governo tibetano in esilio. Il bilancio delle vittime dei disordini che ieri hanno sconvolto Lhasa, la capitale del Tibet, cresce di ora in ora mentre la situazione sul terreno rimane confusa. Pechino nega che sia stata dichiarata la legge marziale ma i residenti di Lhasa descrivono una situazione tutt'altro che normale.

Nuove manifestazioni di protesta di monaci tibetani si sono svolte intanto oggi nella provincia del Gansu, nel nordovest della Cina, secondo quanto riferito da gruppi internazionali filotibetani. Agli stranieri viene impedito di uscire dagli alberghi, i cinesi non escono di casa per paura di essere attaccati dai tibetani e i tibetani perché temono di essere arrestati dalle forze di sicurezza, che hanno completamente isolato alcune zone della città. Testimoni hanno affermato che nel centro si sentono ancora dei colpi di arma da fuoco e che ieri la sparatoria è durata per tutto il pomeriggio. Un testimone ha visto "dieci, forse quindici carri armati" per le strade e "alcuni giovani" tibetani fermati dai militari.

Le autorità cinesi hanno lanciato un ultimatum a quelli che definiscono i ''ribelli'', affermando che coloro che si arrendono entro la sera di lunedì prossimo saranno trattati "con clemenza". Pechino finora non ha chiarito di quale etnia siano le dieci vittime annunciate, ma dalla formulazione delle loro dichiarazioni si evince che si tratta di cinesi han, immigrati in Tibet che sarebbero stati attaccati da giovani tibetani. Il viceprocuratore generale cinese Sun Qian intanto ha detto oggi che i disordini di Lhasa sono stati provocati da "un pugno di monaci" sulla base di uno "schema premeditato dalla cricca del Dalai Lama". Lo stesso magistrato ha aggiunto che la giustizia si occuperà "in modo appropriato" e "in accordo con la legge" dei responsabili delle violenze registratesi a Lhasa ieri.

Leggi gli aggiornamenti con Technorati

Leggi anche: Tibet in fiamme, la rivolta dei monaci

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Video Hot

TOP 10 DI PANORAMA Mondo

MONDO
Documento senza titolo