• RSS
  • youtube
Home  -  Mondo  -  World News  -  Il Nobel della Pace si tinge di rosa e va a Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee e Tawakul Karman

Il Nobel della Pace si tinge di rosa e va a Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee e Tawakul Karman

Il Nobel per la Pace va a due donne liberiane e a una giornalista yemenita di 32 anni, che è stata più volte in carcere ma che non ha mancato di essere in piazza per gridare tutto il suo sdegno contro la dittatura del presidente Saleh

Il Nobel della Pace si tinge di rosa e va a Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee e Tawakul Karman Il Nobel della Pace si tinge di rosa e va a Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee e Tawakul Karman
FILE - In this Sept. 18, 2006 file photo, Liberian President Ellen Johnson Sirleaf, addresses the audience at the Kennedy School of Government at Harvard University, in Cambridge, Mass. Liberian President Ellen Johnson Sirleaf, Liberian activist Leymah Gbowee and Tawakkul Karman of Yemen have won the 2011 Nobel Peace Prize, the Norwegian Nobel Committee announced Friday, Oct. 7, 2011. (AP Photo/Josh Reynolds, File)
mazzone-new

Ellen Johnson Sirleaf, la "lady di Ferro" che guida la Liberia, Leymah Gbowee, l'attivista liberiana che da anni si batte per i diritti umani e civili nel suo Paese e Tawakul Karman, la pasionaria yemenita di Women Journalists without chains. E' questo il tris rosa che si è aggiudicato il Nobel per la Pace 2011.

L'Accademia svedese ha fatto la sua scelta. Il Nobel per la Pace di quest'anno va a due donne liberiane e a una ragazza yemenita. Tutte e tre, in situazioni diverse e in condizioni differenti, hanno lottato (e continueranno a farlo) per i diritti civili e umani nei loro Paesi. Una scelta equilibrata che mette d'accordo un po' tutti, senza dimenticare l'importanza della Primavera araba che sta cambiando il volto del Maghreb e del Medio Oriente, ma anche senza tralasciare il grande lavoro  fatto in Liberia da Ellen Johnson Sirleaf e da Leymah Gbowee.

Ellen Johnson Sirleaf , la "lady di Ferro", nel 2005 è stata la prima donna a diventare presidente di uno Stato africano. Durante la sua campagna elettorale si è guadagnata l'appellativo di "nonna" della Liberia, per il suo fare materno e comprensivo, ma la sua lunga carriera politica di più di 30 anni ha messo in evidenza la sua capacità decisionale e la sua incredibile forza, tanto da farle guadagnare anche il soprannome di "lady di Ferro", come Margaret Thatcher.

Leymah Gbowee
Nobel per la Pace. In this May 18, 2009 file photo, Caroline Kennedy, president of the Kennedy Library Foundation, left, stands with Liberian peace activist Leymah Gbowee after Gbowee was awarded the John F. Kennedy Profile in Courage Award at the John F. Kennedy Presidential Library and Museum, in Boston. Liberian President Ellen Johnson Sirleaf, Liberian activist Leymah Gbowee and Tawakkul Karman of Yemen have won the 2011 Nobel Peace Prize, the Norwegian Nobel Committee announced Friday, Oct. 7, 2011. (AP Photo/Lisa Poole, File)

Leymah Gbowee è un avvocato e attualmente  guida il network West African regional Women Peace and Security ed è stata determinante nel mobilitare migliaia di donne liberiane e portarle al voto, contribuendo all'elezione della stessa presidente, Ellen Johnson Sirleaf. L'instancabile lavoro della Gbowee è stato sempre improntato alla ricerca del dialogo, dopo più di 14 anni di guerra civile iun Liberia. Escluse dalle negoziaizioni di pace ai tavoli internazionali, le donne liberiane hanno sempre continuato a fare politica, trovando il modo di fare pressione sui loro leader per il raggiungimento di una pace durevole e più volte sono state determinanti nell'evitare di far saltare il tavolo della riconciliazione. Questi sforzi e questo impegno sono raccontati in un documentario, vincitore di diversi premi internazionali: Pray the Devil Back to Hell .

Tawakul Karman
Nobel per la Pace. In this June 27, 2011 file photo, Yemeni activist Tawakkul Karman chants slogans along with anti-government protestors, during a demonstration demanding the resignation of Yemeni President Ali Abdullah Saleh, in Sanaa, Yemen. Liberian President Ellen Johnson Sirleaf, Liberian activist Leymah Gbowee and Tawakkul Karman of Yemen have won the 2011 Nobel Peace Prize, the Norwegian Nobel Committee announced Friday, Oct. 7, 2011. (AP Photo/Hani Mohammed, File)

Tawakul Karman è una giornalista di 32 anni e prima di tutto si è sempre definita una "mamma". Conosce bene le galere dello Yemen , per essere stata detenuta diverse volte, ma questo non le ha impedito di essere in piazza a Sana'a per gridare il suo sdegno contro la dittatura del presidente Saleh, che ha sempre accusato di "voler instaurare una monarchia" dalle connotazioni "feroci".

---

Anna Mazzone è giornalista, vive a Roma ma sogna di trasferirsi a Istanbul. E’ direttore della rivista Formiche e collabora con il quotidiano Il Riformista, per il quale scrive di Giappone, Turchia e Caucaso.

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Video Hot

    • Via i segreti di Stato sulle stragi....

      L’altra faccia della medaglia della lodevole iniziativa di Palazzo Chigi è avere gli stessi dubbi e ancor meno chiarezza di prima. E inimicarci i servizi segreti alleati

    • Bonus Irpef, cosa prevede il decreto

      80 euro al mese tondi fino a dicembre per i contribuenti con reddito fino a 24 mila euro. I soldi arriveranno da tagli ai ministeri, dalla tassazione delle rendite e delle banche e dalla lotta all'evasione

    • Apple, Tim Cook e il lato verde della...

      Risultati confortanti dall'ultimo rapporto ambientale del gigante di Cupertino. Che dimostra una volta di più l'attenzione agli aspetti di natura etica del suo CEO

TOP 10 DI PANORAMA Mondo

MONDO
Documento senza titolo